CRISTIANA CARPENTIERI

GUIDA AI TESSUTI

Quando selezionate il vostro tessuto per il vostro progetto, è importante prendere in considerazione il contenuto delle fibre, la trama, il drappeggio, il colore e in alcune circostanze anche le decorazioni e l'elasticità.

CONOSCERE IL TESSUTO: descrizione della stoffa

CONOSCERE I TESSUTI E LE LORO CARATTERISTICHE STRUTTURA DI UN TESSUTO: TRAMA ORDITO SBIECO - TIPI DI TESSUTO - LEZIONE E SCUOLA DI CUCITO SULLE STOFFE fabric cotton LA DESCRIZIONE DELLA STOFFA Continuiamo con la rubrica sui tessuti diversi spiegando le loro caratteristiche e il loro uso. Le stoffe tessute sono fatte da una serie di fili verticali (nel senso della lunghezza della stoffa) che creano il cosiddetto ordito. C’è poi un’altra serie di fili che va orizzontalmente avanti e indietro nella stoffa passando sopra e sotto ciascuno dei fili dell’ordito e che viene chiamata trama. In base al tipo di filato usato, è possibile creare una grandissima varietà di stoffe tessute con diverse trame e pesi.


DIVERSE TIPOLOGIE DI TESSUTI

Continuiamo con la rubrica sui tessuti diversi spiegando le loro caratteristiche e il loro uso. Facciamo una panoramica sui diversi tipi di stoffe, le loro caratteristiche e come utilizzarle, una brava sarta deve conoscerle alla perfezione in modo da saper confezionare capi il più possibile perfetti e con un ottima vestibilità. Oltre alle fibre naturali (cotone, lana, seta e lino), oggi è disponibile un gran numero di fibre artificiali per ottenere caratteristiche particolari o ricreare le caratteristiche dei tessuti più costosi in una versione decisamente più economica. Le stoffe tessute sono fatte da una serie di fili verticali (nel senso della lunghezza della stoffa) che creano il cosiddetto ordito. C’è poi un’altra serie di fili che va orizzontalmente avanti e indietro nella stoffa passando sopra e sotto ciascuno dei fili dell’ordito e che viene chiamata trama.


IL COTONE

Le fibre di cotone vengono ricavate dai semi di una pianta, il GOSSYPIUM. Variano per qualità e lunghezza in base a dove la pianta è cresciuta, determinando una vasta gamma di tessuti differenti, dall'organza, al più grezzo cotone. E' molto assorbente e resistente ed è capace di sopportare frequenti lavaggi ad alte temperature. In questo video vi parlerò del cotone leggero, medio e pesante. Quali filati, aghi, confezione di abiti o biancheria per la casa consiglio a seconda della tipologia del cotone utilizzato.


IL LINO

Il lino (Linum usitatissimum) è una fibra naturale, composta per il 70% da cellulosa, dall’origine molto antica, con diverse proprietà che lo rendono un tessuto davvero di pregio. Può essere utilizzato per realizzare i capi di vestiario per la stagione estiva ma anche come materiale per la biancheria della casa (lenzuola, tende, cuscini, copridivani, tovaglie, asciugamani). Il lino è molto apprezzato per le sue molteplici qualità – che vedremo nel dettaglio nel paragrafo dedicato – tra cui spiccano la versatilità, la sostenibilità, il suo essere ipoallergenico e traspirante, la freschezza e la resistenza, oltre alla sua indiscutibile bellezza estetica.


LA SETA

La seta è una fibra naturale prodotta da diversi insetti ma quella usata per la realizzazione di tessili viene generalmente dal baco da seta. I suoi bozzoli vengono sciolti in acqua bollente per l’estrazione delle fibre che vengono poi usate per produrre il filato di seta. La seta è soffice e liscia al tatto ed è perfetta per ogni stagione: la sua grande capacità di traspirazione la rende perfetta per i giorni più caldi ma, d’altra parte, la sua bassa conduttività cattura l’aria calda e la tiene vicino alla pelle quando fuori fa freddo!


LA LANA

La lana è conosciuta per la sua morbidezza, elasticità, igroscopicità e coibenza termica. Per la sua origine, la lana è usata tipicamente per il vestiario, ma ha soprattutto sbocchi sul mercato dei tessuti per arredamento e per le imbottiture (cuscini e materassi).